Piccoli nuotatori

Sei pronto a divertirti
in acqua con il tuo bambino?

L’acqua è fonte ed elemento di vita.

Dove c’è acqua c’è vita, l’uomo stesso è composto in gran parte di acqua. L’acqua è amica, universalmente conosciuta usata e amata. Ecco perché è importante iniziare quanto prima i propri figli al contatto con l’acqua e al nuoto.

Ecco come iniziare con il tuo bimbo il contatto con l’acqua in tutta sicurezza e serenità.

Buon divertimento!

Scarica il certitificato di nuotatore provetto
da consegnare al tuo bimbo, inserisci una sua foto
e indica la specialità di nuoto che preferisce.

SCARICA IL CERTIFICATO (PDF)

Si incomincia

Prima settimana

Il modo migliore per aumentare la sicurezza del tuo bambino è quello di farlo giocare nella vasca da bagno a casa. Assicurati che la temperatura dell'acqua sia inferiore a quella corporea e che la stanza sia calda. Tieni il bimbo tra le braccia e versa l'acqua sul suo corpicino.

Abituatevi a stare nell'acqua insieme. Siediti nella vasca con le ginocchia all'insù e tienilo rivolto verso di te, o siedilo appoggiato alle tue gambe mentre gli versi l’acqua sulla pancia. Prova a cantargli una canzoncina.

Inizia lentamente girando il bambino con la testa contro il tuo torace. Appoggiagli le mani sotto la testa e fallo galleggiare con le orecchie sotto l'acqua. Se si angoscia risollevalo e riprova dopo. È un ottimo esercizio di preparazione alla piscina.

I neonati hanno un forte senso del tatto e amano sentire l'acqua.
Reagiranno all’ambiente, il tuo piccolo potrebbe iniziare a scalciare, a sorridere e a scuotere la testa. Questo è il momento opportuno per introdurre un giocattolo da bagno. Col tempo, lo porterai con te anche in piscina per giocarci insieme. Muovi il tuo bambino in avanti e indietro e in diagonale. Incoraggialo e coccolalo e in breve tempo dovrebbe rilassarsi.

Continua a muoverti per far sentire al tuo bambino sensazioni diverse e per esercitare muscoli diversi. Mentre nuota sulla pancia, tienilo con le braccia tra il pollice e l'indice: in questa maniera potrai sostenere la testa in modo naturale. Fai scorrere dell'acqua sulla pancia o sulla schiena. Rilassati e goditi il momento mentre impara a galleggiare. Meglio di così non potevi iniziare!

È un ottimo esercizio anche per te. Il nuoto è un'attività a basso impatto ed è ideale per le mamme che non devono esagerare nei primi 6 mesi dopo il parto.

“Sarebbe meglio avere il tuo compagno o un amica accanto la prima volta che fai il bagno nella vasca con il tuo bambino, devi solo abituarti a tenere un bambino bagnato”

Philomena Geary
istruttrice di nuoto infantile.
immagine attività fisica

Si va in piscina

Seconda settimana

Trova una piscina adatta a neonati dove tu e il tuo bambino potrete divertirvi. Scegliene una che abbia la temperatura giusta, una profondità adeguata, e così via. E ricorda: non è mai troppo presto per iniziare.

Alcuni genitori spesso si preoccupano di garantire che i loro bambini siano stati vaccinati prima di portarli in piscina ma la guida attuale fornita dal Ministero della Sanità conferma che puoi portare il tuo bambino a nuotare a qualsiasi età.

Fai una prima visita di prova per verificare. Controlla se devi portare il fasciatoio e se sono necessarie monete o gettoni per gli armadietti. Con questi piccoli accorgimenti non avrai sorprese nel primo giorno di visita.

Prepara la borsa la sera prima. Tra tutti i pannolini, salviettine, creme, vestitini e asciugamani, assicurati di portare un pannolino costumino come Huggies® Little Swimmers®. E non dimenticare proprio le tue cose. Non saresti la prima a farlo!

Una banana o uno yogurt sono le merende ideali per riempire un pancino affamato dopo una nuotata. Il Ministero della Sanità consiglia di introdurre i solidi nella dieta del bambino all'età di 6 mesi circa. E' più o meno a questa età che il bambino avrà bisogno di più nutrienti di quelli che riceve dal latte materno.

Fai le cose con calma...
Buon consiglio: per evitare problemi, mettiti il costume da bagno a casa. In piscina, preparati prima di cambiare il tuo bebè.

“La prima volta che frequenti una piscina pubblica, cerca di non farlo negli orari di punta. Questo rende tutta l'esperienza più piacevole e meno stressante”

Philomena Geary
istruttrice di nuoto infantile.
immagine attività fisica

Tuffati!

Terza settimana

Per entrare in piscina, appoggia il tuo bambino sul bordo della piscina, entra prima tu e poi mettilo giù, in acqua.

Parla al tuo bambino mentre entrate in acqua in modo da incoraggiarlo. Ad alcuni bambini non piace la luce intensa e i volti sconociuti quindi è meglio parlargli continuamente.

Culla il tuo bimbo tenendolo vicino al tuo corpo, muoviti lentamente nella piscina con le spalle sotto l'acqua e i piedi ben saldi sul fondo della piscina, poi immergilo ritmicamente e dolcemente nell'acqua.

Sii naturale con il tuo bimbo. Tanti sorrisi, chiacchiere e tanto contatto visivo e approvazione.

Ripeti quello che hai fatto a casa. La familiarità rende tutto più facile – ma continua a controllare se si sta divertendo. Se ha freddo o non è contento, non insistere – fa' una doccia e rivestiti.

Sviluppa la sua sensazione di sicurezza, fai girare il tuo piccolo prima sul dorso e poi sulla pancia e di nuovo sul dorso.

Per ogni attività usa una parola diversa, come “bollicine”, “cip-ciap” e “splash”.
Divertiti con il suo giocattolo per il bagnetto preferito. Tienilo lontano e proverà a prenderlo. Tienilo sopra la sua testa e guarderà in su. Osserva come reagisce quando gli spruzzi l'acqua dolcemente sulla nuca!

Sollecita il tuo bimbo ad arrivare al bordo della piscina per aggrapparsi e tirarsi fuori dall'acqua. Usa un tubo galleggiante o una tavoletta per insegnare al tuo bimbo a tenersi e sbattere i piedini. Fallo sedere su un galleggiante e spingilo in giro per la piscina. Se ti sembrano giochi divertenti, falli!

“Ogni volta che inizi una nuova attività, è preferibile un segnale che i bambini possano riconoscere avvicinandosi”

Philomena Geary
istruttrice di nuoto infantile.
immagine attività fisica

Fai splash!

Quarta settimana

Una volta che inizi, continua. È un ottimo modo per uscire da casa e fare esercizio con il tuo bimbo.

Divertitevi in acqua con giochi come “cucù” oppure inseguendo un giocattolo per la piscina - lancia un po' il giocattolo in avanti per stimolare il bimbo ad allungarsi per prenderlo. Gira il bimbo verso di te e cammina all'indietro così lui si muove in avanti, e con la bocca fa' le bollicine sotto l'acqua.

Fai fare dei tuffetti al tuo bimbo e associa al gioco parole come “boing-boing”. Ciò lo aiuterà a sentirsi a suo agio nell'acqua. E se per caso va sotto, un po' di incoraggiamento e coccole lo aiuteranno molto a tranquillizzarsi.

Giocare a “cavalluccio marino” è divertente. Siediti su un tubo galleggiante con il tuo bimbo seduto davanti entrambi a cavalcioni. La maggior parte dei bimbi ama saltellare in piscina, potresti cantare una filastrocca sui cavalli. Dai, non è questo il momento di tirarsi indietro!

Quando il bimbo è in grado di star seduto, appoggialo sul bordo della piscina e cantagli una canzoncina tipo Sedia sediola (nome del bambino) va a scuola, porta il panierino, con il pane e il formaggino il pane non c'è più e (nome del bambino) va giù, giù! Quando arrivi all'ultima frase, mettilo giù in acqua con uno splash.

Continua ad assicurarti che il bimbo si stia divertendo. Man mano che diventa più forte e disinvolto, diminuisci il tuo aiuto e lascialo esplorare e sperimentare. Più lo incoraggerai più diventerà un nuotatore prodigio.

Scopri quello che piace a tutti e due e continua a farlo. E' così semplice!

immagine attività fisica

Pannolino-costumino
Little Swimmers®

Il pannolino-costumino
Huggies® Little Swimmers non si gonfia a
contatto con l’acqua e contiene le fuoriuscite,
evitando spiacevoli incidenti!

Salviette
Huggies®

Niente è più delicato della pelle
del tuo bambino!

Per questo Huggies® ha creato una linea di
salviette realizzate con materiali naturali, e con
una tecnologia "Coform" che garantisce una
maggiore morbidezza ed assorbenza ed una
trama più consistente e delicata sulla sua pelle.